Home » Esercizio lavoro ed energia 14
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
post
page


 

Esercizio 14  (\bigstar \bigstar \bigstar \largewhitestar\largewhitestar). Un blocco di 3.20 Kg, partendo da fermo, scivola per una distanza d giù per un piano privo di attrito inclinato di 30^{\circ}, fino ad imbattersi in una molla. Il blocco continua a scivolare per \Delta x=21 cm prima di essere momentaneamente arrestato dalla compressione della molla la cui costante è k = 431 N/m. Si richiedere di determinare il valore di d e la distanza fra il punto di primo contatto e il punto in cui il blocco raggiunge la velocità massima.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Considerazioni. L’esercizio ci fornisce come dati: massa del corpo m = 3.20 Kg, inclinazione del piano inclinato \theta=30^{\circ}, compressione della molla, dovuta all’urto del corpo, sino al suo arresto \Delta x = 21 cm , costante elastica della molla k = 431 N/m e velocità iniziale del corpo v_0=0 m/s.

 

Svolgimento. Non essendoci forze d’attrito ed essendo tutte le forze in gioco (forza peso e forza elastica) forze conservative, possiamo sfruttare il teorema di conservazione dell’energia meccanicacome segue

    \[K_i + U_i = K_f + U_f\]

dove il pedice i intende \textit{iniziale} ed il pedice f intende \textit{finale}, il simbolo U sta per energia potenziale ed infine K sta per energia cinetica.

Fissiamo lo zero del potenziale alla distanza \Delta x \; \sin \theta dall’estremo superiore della molla, come in figura, e consideriamo come “stato iniziale” quello in cui il corpo è fermo ad altezza (\Delta x + d) \; \sin \theta dal suolo, mentre consideriamo come “stato finale” quello in cui il corpo è fermo e la molla è
compressa di \Delta x.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Rappresentiamo lo schema delle forze nell’istante in cui il blocco tocca la molla

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Scriviamo i singoli termini d’energia ricordando che l’energia potenziale della forza peso è mgh (con h distanza da un punto fissato detto zero del potenziale arbitrario) e l’energia potenziale
della forza elastica è \frac{1}{2} k x^2 con x elongazione della molla.

    \[\begin{aligned} & K_i =0;\\ & U_i = mg \left(\Delta x + d\right) \, \sin \theta;\\ & K_f =0;\\ & U_f = \frac{1}{2}k \, \Delta^2 x. \end{aligned}\]

Da cui d è dato da

    \[\boxcolorato{fisica}{ d = \dfrac{k \, \Delta^2 x-2mg\Delta x \sin \theta }{2mg \, \sin \theta} = 0.395 \, \mbox{m}.}\]

 

Adesso rispondiamo alla seconda domanda. Quando il corpo urta la molla, esso possiede un’accelerazione di modulo g \, \sin \theta. Dopo il primo contatto con la molla esisterà un certo istante t^* tale che

    \[k\, \vert x \vert > mg \, \sin \theta,\]

da quell’istante in poi il corpo m decelera fino a fermarsi.
Dalla seconda legge della dinamica, abbiamo

    \[mg \, \sin \theta - kx = m \ddot{x}\]

e dividendo tutto per m abbiamo l’equazione di un oscillatore armonico

    \[\ddot{x} = - \left(-\dfrac{k}{m}\right)x + g \sin \theta.\]

La velocità è massima per \ddot{x}=0, per cui si ha

    \[\boxcolorato{fisica}{ x = \dfrac{mg \,\sin \theta}{k}= 0.036 \mbox{ m}= x_{\tiny\mbox{max}}.}\]

 

Fonte: David Halliday, Robert Resnick, Jearl Walker – Fondamenti di fisica, Meccanica, Seconda edizione, Zanichelli.