Home » Esercizio leggi della dinamica 16
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
post
page


 

Esercizio 16  (\bigstar\bigstar\largewhitestar\largewhitestar\largewhitestar). Due corpi di massa m ed M si trovano su un piano inclinato fisso formante un angolo \alpha con l’orizzontale, come mostrato nella figura 1. Il coefficiente di attrito statico relativo al contatto tra m e il piano inclinato è pari a \mu_s, mentre per M non c’è attrito. Determinare il valore massimo di M per cui il sistema rimane in quiete.

 

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Svolgimento.  Le forze agenti su m sono la reazione vincolare \vec{N}_m con il piano inclinato, la forza di attrito statico \vec{f}_s, la forza peso m\vec{g}, e infine la forza di contatto \vec{N} generata dal contatto tra m ed M. Le forze agenti su M sono la reazione vincolare \vec{N}_M con il piano inclinato, la forza peso M\vec{g}, ed infine la forza di contatto -\vec{N}. Si osservi che la forze di contatto su entrambi i corpi sono uguali ed opposte per il terzo principio della dinamica. Inoltre, si osservi che su M non c’è attrito per ipotesi. Tutte le forze descritte sono rappresentate in figura 2.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Scegliamo un sistema di riferimento fisso Oxy, come in figura 3.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Imponiamo che la somma delle forze su M sia uguale a zero. Lungo l’asse delle x abbiamo

(1)   \begin{equation*} N=Mg\sin\alpha, \end{equation*}

in cui si è considerata la proiezione della forza peso Mg lungo la direzione x, mentre per la direzione y sarà, ancora per la massa M,

(2)   \begin{equation*} N_M=Mg\cos\alpha. \end{equation*}

Per la massa m, le equazioni della statica per le direzioni x e y si scriveranno invece rispettivamente

(3)   \begin{equation*} f_s=N+mg\sin\alpha \end{equation*}

e

(4)   \begin{equation*} N_m=mg \cos \alpha. \end{equation*}

Sostituendo N (definita nell’equazione (1)) nell’equazione (3), si ottiene

(5)   \begin{equation*} f_s= (M+m) g\sin\alpha. \end{equation*}

Siccome il sistema è in quiete la forza di attrito statico deve essere minore o uguale della forza di attrito statico massimo, ovvero

(6)   \begin{equation*} f_s \leq \mu_s N_m=\text{Forza di attrito statico massimo.} \end{equation*}

Sostituendo f_s (definita nell’equazione (5)) e N_m (definita nell’equazione (4)) nella relazione (6), si trova

(7)   \begin{equation*} (M+m) g\sin\alpha \leq \mu_s mg \cos \alpha, \end{equation*}

da cui

(8)   \begin{equation*} M \sin\alpha \leq m (\mu_s\cos \alpha-\sin \alpha), \end{equation*}

o anche

(9)   \begin{equation*} M\leq m (\mu_s\cot \alpha-1). \end{equation*}

Dalla relazione (9) si deduce che

    \[\boxcolorato{fisica}{ M_{max}= m (\mu_s\cot \alpha-1).}\]