Esercizio corpo rigido 61

Dinamica del corpo rigido

Home » Esercizio corpo rigido 61
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
post
page


 

Esercizio 61  (\bigstar \bigstar \bigstar \bigstar\largewhitestar). Un pendolo conico come in figura è composto da un disco di massa M e raggio R, un’asta verticale di massa trascurabile e altezza \ell, da un filo inestensibile di lunghezza \ell e da una pallina di dimensioni trascurabili e massa m. Il pendolo conico è poggiato su di un piano in cui è presente un attrito sufficiente ad impedirgli di muoversi. Calcolare per quali valori di \alpha il sistema non si distacca dal piano. Supporre il filo inestensibile e di massa trascurabile.

 

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Svolgimento.  Ricordiamo la prima e la seconda legge cardinale per i corpi rigidi:

(1)   \begin{equation*} \begin{cases} \displaystyle\sum_{k=1}^n {\vec{F}_k\,}^{\text{\tiny ext}} = \dfrac{d\vec{P}_t}{dt}\\ \displaystyle\sum_{k=1}^n {\vec{M}_k\,}^{\text{\tiny ext}} -m \vec{v}_O \wedge \vec{v}_{CM} = \dfrac{d\vec{L}_O}{dt} \end{cases} \end{equation*}

dove \displaystyle \sum_{k=1}^n {\vec{F}_k\,}^{\text{\tiny ext}} è la somma di tutte le forze esterne, \vec{P}_t è la quantità di moto totale del sistema, \displaystyle \sum_{k=1}^n {\vec{M}_k\,}^{\text{\tiny ext}} è la somma di tutti i momenti esterni, \vec{v}_O è la velocità del polo scelto per il calcolo del momento angolare totale del sistema, \vec{v}_{CM} è la velocità del centro di massa ed infine \vec{L}_O è il momento angolare totale del sistema rispetto al polo O.
Poiché il sistema composto dal disco e dall’asta deve rimanere in quiete, il sistema (1) diventa:

(2)   \begin{equation*} \begin{cases} \displaystyle\sum_{k=1}^n {\vec{F}_k\,}^{\text{\tiny ext}} = \vec{0}\\\\ \displaystyle\sum_{k=1}^n {\vec{M}_k\,}^{\text{\tiny ext}} = \vec{0}. \end{cases} \end{equation*}

Scegliamo un sistema di riferimento non inerziale Oxyz tale che istante per istante il punto materiale m si trovi sull’asse delle x, ovvero che l’asse x si muova di moto circolare, come in figura 1.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

e rappresentiamo le forze applicate alla massa m vista in sezione

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

dove \vec{T} è la tensione generata dal filo che collega la massa m e l’asta, m\vec{g} è la forza peso agente sulla massa m, \vec{F}_c è la forza apparente ovvero la forza centrifuga e infine T \cos\alpha\,\hat{y} è la proiezione della tensione lungo l’asse y e -T\sin\alpha \,\hat{x} è la proiezione di \vec{T} lungo l’asse x.
Da (1)_1 abbiamo[1]

(3)   \begin{equation*} T \cos\alpha=mg. \end{equation*}

Rappresentiamo ora in figura 3 le forze applicate al sistema composto dal disco e asta

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

dove \vec{N} è la reazione vincolare dovuta al piano di appoggio tra disco e piano, M\vec{g} è la forza peso agente sul disco ed infine -\vec{T} è la forza alla quale è soggetta l’asta per il terzo principio della dinamica, assumendo che il filo sia inestensibile e di massa trascurabile. Sia r la posizione dove viene applicata \vec{N} e notiamo che finché 0\leq r \leq R non avviene il distacco dal piano, poiché la reazione \vec{N} varia al variare della posizione di m. In figura 4 rappresentiamo quanto detto[2].

Rendered by QuickLaTeX.com

 

La reazione \vec{N} del piano, a differenza della forza peso M\vec{g} e della tensione -\vec{T}, non ha una posizione fissa ma tende a spostarsi dal centro del disco verso il polo O nella condizione limite[3]; subito prima del ribaltamento la sua posizione coincide con O e quindi il suo momento rispetto a tale polo è nullo.
Consideriamo ora il sistema composto dall’asta e dal disco e mettiamoci nella condizione limite: scegliamo il polo O per il calcolo dei momenti esterni come in figura 5.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Per calcolare l’equilibrio dei momenti delle forze ricorriamo alle sole forze M\vec{g} e -\vec{T}. Ricordiamo che per calcolare il momento \vec{tau} di una forza \vec{F} dobbiamo fare il prodotto vettoriale tra \vec{r}, distanza tra polo ed il punto di applicazione della forza, e la forza stessa

(4)   \begin{equation*} \vec{\tau}=\vec{r} \wedge \vec{F}. \end{equation*}

Il modulo di tale prodotto vettoriale è uguale al prodotto della forza per il braccio b

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

dove il braccio b è la minima distanza tra la retta su cui giace la forza \vec{F} e il polo O.
Per semplificare il calcolo, scomponiamo la tensione in T\cos\alpha e T\sin\alpha come mostrato in figura 5 in modo che T\cos\alpha abbia braccio R e T\sin\alpha abbia braccio \ell.
Notiamo inoltre che T \cos \alpha e M\vec{g} hanno momento concorde in quanto inducono una rotazione antioraria mentre T \sin \alpha una rotazione oraria[4].
Quindi da (2)_2 abbiamo

(5)   \begin{equation*} TR \cos\alpha + MgR-T\ell\sin\alpha =0. \end{equation*}

Mettiamo a sistema (3) e (5)

(6)   \begin{equation*} \begin{cases} T \cos \alpha= mg\\ TR \cos\alpha+MgR - T\ell \sin\alpha =0 \end{cases} \end{equation*}

da cui

(7)   \begin{equation*} \tan \alpha = \dfrac{R}{\ell} \cdot \dfrac{M+m}{m} \quad \Leftrightarrow \quad \alpha = \arctan\left(\dfrac{R(M+m)}{m\ell}\right) \end{equation*}

e questo è il valore limite di \alpha oltre il quale c’è il distacco, ovvero

    \[\boxcolorato{fisica}{\alpha = \arctan\left(\dfrac{R(M+m)}{ m\ell}\right)}\]

 

 

1. Teniamo conto solo della componente lungo l’asse y perché ai fini del problema ci serve solo tale componente.  

2. Per completezza facciamo presente al lettore che \vec{N} non è allineata con il corpo m.

3. Vedere dimostrazione alla fine del sito.

4. Si considera positivo il verso uscente per i momenti delle forze (corrispondente a rotazioni antiorarie). 

 

Approfondimento.

Completiamo l’esercizio riportando la dimostrazione che la posizione di \vec{N} dipende dall’angolo \alpha.
Immaginiamo di avere il punto materiale m in un generico istante formante un angolo \alpha con l’asta e immaginiamo che la reazione vincolare si trovi in una posizione generica r^{\prime} rispetto al centro del disco e scegliamo un sistema di riferimento Oxyz in modo tale che in quell’istante la massa m e la reazione vincolare \vec{N} siano tutte lungo l’asse x come in figura 7.

 

Rendered by QuickLaTeX.com

 

Da (2)_2 rispetto ad un polo generico O^\prime abbiamo

(8)   \begin{equation*} \left(r^\prime-r^{\prime\prime}\right)N+Mgr^{\prime\prime}+M_{T}=0, \end{equation*}

dove M_{T} è il modulo del momento della tensione rispetto al polo O^\prime.
Calcoliamo \vec{M}_T come segue

(9)   \begin{align*} \vec{M}_T&=\vec{r}\wedge\vec{T}=\left(-r^{\prime\prime}\,\hat{x}+\ell\,\hat{y}\right)\wedge\left(T\sin\alpha\,\hat{x}-T\cos\alpha\,\hat{y}\right)=\\ &=\begin{pmatrix} \hat{x} & \hat{y} & \hat{z}\\ -r^{\prime\prime} & \ell & 0\\ T\sin\alpha & - T\cos\alpha & 0 \end{pmatrix}=\left(r^{\prime\prime}T\cos\alpha-\ell T \sin \alpha\right)\,\hat{z}\\ \end{align*}

per cui (8) diventa

(10)   \begin{equation*} \left(r^\prime-r^{\prime\prime}\right)N+Mgr^{\prime \prime}+r^{\prime\prime}T\cos\alpha-\ell T \sin\alpha=0. \end{equation*}

Osserviamo che lungo l’asse y vale quanto segue

(11)   \begin{equation*} N=Mg+T\cos\alpha, \end{equation*}

da cui

(12)   \begin{align*} & \left(r^\prime-r^{\prime\prime}\right)\left(Mg+T\cos\alpha\right)+Mgr^{\prime\prime}+Tr^{\prime\prime}\cos\alpha -\ell T\sin\alpha=0. \end{align*}

Con (3) abbiamo

(13)   \begin{align*} & \left(r^\prime-r^{\prime\prime}\right)\left(Mg+T\cos\alpha\right)+Mgr^{\prime\prime}+Tr^{\prime\prime}\cos\alpha -\ell T\sin\alpha=0 \quad \Leftrightarrow \quad\\ & \Leftrightarrow \quad \left(r^\prime-r^{\prime\prime}\right)\left(Mg+mg\right)+Mgr^{\prime\prime}+mgr^{\prime\prime}-\ell mg\tan \alpha=0 \quad \Leftrightarrow \quad\\ & \Leftrightarrow \quad\left(r^\prime-r^{\prime\prime}\right)\left(Mg+mg\right)+r^{\prime\prime}\left(Mg+mg\right)=\ell mg \tan \alpha\quad \Leftrightarrow \quad\\ & \Leftrightarrow \quad\left(r^\prime-r^{\prime\prime}+r^{\prime\prime}\right)\left(Mg+mg\right)=\ell mg\tan \alpha \quad \Leftrightarrow \quad\\ &\Leftrightarrow \quad r^{\prime}=\dfrac{\ell mg \tan \alpha}{Mg+mg}. \end{align*}

Abbiamo dunque dimostrato che la distanza di \vec{N} dipende da \alpha e dunque sapendo che 0\leq r^\prime \leq R e ponendo r^\prime=R, ovvero mettendoci nella condizione limite, otteniamo

(14)   \begin{align*} &R=\dfrac{\ell mg \tan \alpha}{Mg+mg}\quad \Leftrightarrow \quad R\left(mg+Mg\right)=\ell mg \tan \alpha \quad \Leftrightarrow \quad\\ &\Leftrightarrow \quad \tan \alpha =\dfrac{R\left(m+M\right)}{m\ell}\quad \Leftrightarrow \quad \alpha=\arctan\left(\dfrac{R\left(m+M\right)}{m\ell}\right). \end{align*}